AttualitàCommunication

La follia del Corona Virus!

corona virus

Sì perché di FOLLIA e psicosi ormai si tratta!!! E’ veramente così pericoloso o la stampa e i media ci stanno marciando un po’ su?

Razzie al supermercato

Assistere a scene di straordinaria follia lascia sempre basiti, ma quando ti capita che devi andare ad acquistare un pacco di acqua e ti trovi interi scaffali deserti, e soprattutto niente acqua, ti colpisce ancora di più. E stiamo parlando di zone di periferia, non certo di zone ad alto rischio contagio.

#spengolatv – #QUARANTENATV

Non resta altro da fare, disintossicarsi da questo surplus di informazioni inesatte e sempre in continuo aggiornamento…Alla ricerca del caso 0 italiano, il caso 1 e come è stato infettato…È come l’influenza o no?!… Uccide di meno dell’attuale influenza e di che ci preoccupiamo…e mai una chiara esposizione fatta da un virologo che spiega questo virus..

Io non sono un esperta, ma un po’ un’idea me la sono fatta cercando di guardare la situazione nel suo insieme. Sicuramente ad oggi non si può definire PANDEMIA, e come è successo per altre situazioni negli anni precedenti gli allarmismi creano il panico tra la gente e hanno intere ripercussioni sul sistema economico di un intero paese. Vedi il virus della Mucca Pazza, influenza aviaria, influenza suina etc.. Chi se li ricorda ora???

Ma l’Italia è nel panico

Già purtroppo in Italia ormai si è su una china pericolosa. Lombardia blindata con ordinanza preventiva di chiusura delle scuole, annullamento eventi sportivi e culturali, divieto di riunioni pubbliche e private con tanto di giustissimo vademecum su come bisogna comportarsi in caso di presunto contagio e per prevenirlo, corsa al reperimento dei primi generi alimentari, supermercati, manco fossimo in procinto di una guerra senza frontiere. E il vademecum poi è fortissimo perché ci voleva un’emergenza virus per spiegarti che devi lavarti le mani, non toccarti naso e occhi con le mani sporche, che non devi starnutire in faccia alle persone, etc..

Ma il buonsenso?

Sempre per non essere polemici, ma davvero dobbiamo porci due domande: E’ davvero necessario tutto questo, la corsa ai rifornimenti, il barricarsi in casa?! Di COVI-19 non si muore a meno che non si abbiano patologie preesistenti, con sistema immunitario debilitato, e sicuramente queste persone non se ne vanno tanto a spasso. Questo Virus, dati alla mano, è pari ad una normale influenza e forse anche meno. Quindi perchè non tuteliamo i più deboli invece che impanicare un’intera Nazione?

Non è un gioco qui siamo sull’orlo del baratro.

Tg che parlano solo di Corona Virus, facendo a gara su chi da per primo il numero dei contagiati, presunti contagiati, oserei dire visto che giorni dopo si scopre che avevano l’influenza. Insomma una caccia alle streghe bella e buona, che se non abbassa un po’ i toni rischia di mettere in crisi una nazione per una centinaia di contagiati e ahimè una manciata di morti. A soffrirne di più saranno solo le piccole imprese, i commercianti che si vedranno obbligati ad uno stop forzato delle proprie attività, insomma i più deboli soccomberanno. E ricordiamocelo che l’Italia è mossa per il 92% C.a. dalla Piccola Medio Impresa (PMI).

L’influenza fa meno danni

L’influenza miete più vittime e produce meno danni economici. Siamo schiavi di questi Media che informano e disinformano allo stesso tempo. Sui Social c’è ormai solo il tam tam degli aggiornamenti sul decorso del virus. Che se anche uno non ci vuole pensare perché se ne sta chiuso un casa e non vede nessuno è comunque portato a temere per la propria vita.

Dal Corona Virus si guarisce

È un dato di fatto e già dimostrato che solo i soggetti che hanno problematiche pregresse sono i più a rischio. Quindi va bene le buone norme per affrontare il diffondersi del virus, ma basta creare il panico. Che quello non porta da nessuna parte e ci rende sempre più ipocondriaci su un virus mal spiegato e sì contagioso, ma non è la peste.

Mentre a risentirne sarà solo il nostro sistema economico già messo in crisi da questo periodo di recessione/stagnazione economica e che di certo non si rialzerà tanto facilmente da questo ennesimo colpo. Lo Stato sta pensando a delle misure di tutela, ma temo che non saranno sufficienti per il danno fatto da un’eccessiva malainformazione e allarmismo smisurato.

RIFLETTIAMOCI SU

Rispondi